Come provare il porno

Ti starai chiedendo come gli antichi romani scoprirono la mania della "pornografia". Se lo sei, sarai sorpreso di sapere che la prima persona a cui è venuta davvero l'idea è stata nientemeno che Seneca il Giovane (o meglio suo fratello minore Laelius). Si dice che l'imperatore romano Traiano fosse così preso dalle tecniche di seduzione che inviò due dei suoi più cari amici, Flavio e Aristomene, a studiare in Grecia sotto la tutela di Plinio il Giovane. I tre studiosi vissero a Roma e tra loro compilarono una serie di trattati sulle varie forme di erotismo.

I loro scritti costituiscono la base di gran parte di ciò che oggi chiamiamo "Pornografia". Tuttavia, va notato che il termine "Pornografia" non è nato fino a circa 70 anni dopo. A questo punto nella storia romana, il termine "pornografo" era diventato peggiorativo e si riferiva alla letteratura pornografica. Questo è il motivo per cui abbiamo ancora molti vecchi libri polverosi nelle biblioteche che hanno centinaia di anni.

Ciò che è ancora più interessante è che l'arte avventurista sessuale del tempo era così avanzata da non richiedere alcuna carica sessuale per stimolare le risposte del lettore. Invece, le immagini stesse erano cariche di significato religioso. Molte volte le immagini mostravano scene religiose come la Crocifissione o l'Ultima Cena.

Ma c'era una cosa che mancava agli scrittori porno amatoriali. Non sono riusciti a ritrarre le immagini erotiche come qualcosa di diverso da innocenti e appassionati. Così, piuttosto che il porno, la letteratura romana ha presentato Eros. Ha parlato di amore, passione, desiderio e l'esplorazione fisica e spirituale della sessualità come atto divino e sacro. Questa letteratura erotica viene letta ancora oggi nella sua lingua originale, la lingua degli antichi. Alcune traduzioni sono ancora in corso.

Oggi sappiamo che Eros può essere sia secolare che religioso. Nella Chiesa cattolica, ad esempio, può essere visto come materiale pornografico contrario ai valori sacri della Chiesa. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle persone che guarda le immagini porno non si considera in violazione degli insegnamenti della chiesa. O, se è per questo, le proprie convinzioni morali personali sul sesso e sulla sessualità.

Se ci pensi ora, non è solo un modo in cui l'umanità si è evoluta? L'uomo antico e il suo bisogno di stimoli visivi sono stati con noi da sempre. Con l'avanzare della tecnologia, siamo in grado di apprezzare ancora di più i loro sforzi. Ad esempio, Internet di oggi offre film porno a chiunque abbia un computer. Anche coloro che potrebbero non sentirsi a proprio agio nel guardare il porno sono in grado di farlo attraverso il comfort e la riservatezza di Internet.